La voce degli scrittori, “Palla Avvelenata”

Per la rubrica con la quale “L’Opinione delle Libertà” vuole dare voce e spazio ai nuovi volti della letteratura italiana, questa settimana vi consigliamo “Palla Avvelenata” di Maurizio Milazzo e Alessandro Staiti (Nulladie Edizioni). Maurizio Milazzo è nato a Roma nel 1968. Lavora in Sogei Spa, presidente della Promoit Onlus e socio della Free Lance International Press. Alessandro Staiti nasce a Roma nel 1959. Laureato in Storia della Letteratura Italiana e specializzato in comunicazione, è giornalista pubblicista dal 1984, caporedattore di musica e sport di “MP News.it” e opinionista in radio e tivù.

La Storia

Un racconto appassionante sulla partita della vita. Un’opera che si struttura su diversi piani emozionali. Thola è il piccolo paese immaginario ciociaro in cui si intrecciano due eventi incredibili, come la promozione in Serie B della squadra di calcio e il disastro ambientale del fiume Sacco. Si formano così due fili rossi che si intrecciano continuamente lungo i lineamenti del plot, mettendo a stretto contatto anche le vite di Nicola Enaldi, manager della Vertex Farmaceutici, e di Sandro Nobili, cronista sportivo. Un ritmo incalzante ci trascina all’interno di un’avventura avvincente e ricca di colpi di scena. Lo sport è uno dei protagonisti di questa storia profonda, che ha radici antiche e ben legate a valori che oggi si stanno smarrendo, rischiando di farci perdere il contatto con le emozioni reali. Il sogno aggrappato a una palla avvelenata, alla quale ci piace annodare grandi speranze e da cui rimaniamo troppo spesso scottati. Milazzo e Staiti ci regalano un racconto avvincente e gustoso, denso di passione e di suggestioni autentiche.

La “Voce” dello Scrittore

“Una rilevazione dell’Istat sulla pratica sportiva in Italia evidenzia che una persona su tre pratica un’attività sportiva nel proprio tempo libero. È naturale che lo sport sia un fenomeno sociale con un ruolo molto importante nella comunità”.

Ricordiamo infine a tutti i lettori anche la pagina Facebook “La voce degli scrittori” e l’Applicazione ufficiale.