Sylos Labini è “Uno sbagliato”

Dopo aver interpretato grandi personaggi, come Gabriele D’Annunzio lo scorso anno, Edoardo Sylos Labini trasforma il Teatro Golden di Roma in un locale notturno, dove presenta la pièce scritta e diretta da lui, “Uno sbagliato”. Interagendo direttamente con il pubblico, narra di un quarantenne cinico, amaramente ironico e disorientato, incapace di affrontare le sue responsabilità di marito, padre e dipendente statale, che ha un lavoro grazie al suocero che “piuttosto che mia figlia in mezzo a una strada ci penso io”, rivelando le sue paure e insicurezze al barman, davanti a diversi bicchieri di drink, che in poco tempo lo trasformano in un alcolizzato. 

La pazienza della moglie, incinta per la terza volta, appare davvero surreale. La  condizione di lei fa esplodere in lui l’irrequietezza e il turbamento di essersi ritrovato adulto con desideri ancora da ragazzo. Lei lo perdona anche quando sparisce per giorni e non fa tante domande al suo ritorno. Solo quando vanno a fare la spesa al centro commerciale e scopre che lui ha speso tutto lo stipendio in bagordi e che ha perso il lavoro, reagisce con violenza; questa volta sarebbero state le bambine a farne le spese!

Una storia che esamina la nostra attualità, spesso priva di valori che una volta erano fondanti. La donna in “attesa”, che sopporta per il quieto vivere, che non è palesemente evidenziata sul palcoscenico, è comunque una presenza importante. Ricorda quella di secoli fa, ma ancora fra noi ce ne sono svariati esempi. Sylos Labini calandosi nelle vesti dello spiantato Michael, tocca con un monologo delicato - che ci permette di riconoscere parte di noi, delle nostre vite o di quelle dei nostri amici e che ci lascia una strana amarezza mista a una nervosa ilarità - dei temi delicatissimi e attuali come l’alcolismo e la prostituzione.

Il tutto arricchito dalle voci straordinarie di Alice Viglioglia e Chiara Capobianco, dal barman pungente e pronto all’ascolto come un sacerdote nel suo confessionale, interpretato da Lorenzo Felice Tassiello, che esordisce con questo ruolo. I costumi e le scene sono di Laura Giannini e le luci di Davide Di Francescantonio.

“Uno sbagliato”, in scena a Roma fino al 19 novembre, cancella ogni perplessità riguardo a cosa l’essere umano possiede e dove può certamente trovare sempre un riparo: la sua famiglia.

(*) Per info e biglietti: Teatro Golden

@vanessaseffer