Arturo Brachetti torna in teatro: “Solo”

Arturo Brachetti torna in teatro: “Solo”. Un varietà surrealista e funambolico. L’attore, trasformista e regista teatrale, arriva sulle scene italiane, dopo il trionfale debutto internazionale avvenuto a Parigi.

È molto atteso il nuovo spettacolo del performer torinese. “Solo, the Master of quick change” è un nuovo one man show. Le sue spettacolari messe in scena, “L’uomo dai mille voli” e “Ciak!”, hanno registrato l’applauso di due milioni di spettatori in tutto il mondo.

Il funambolo della ribalta sarà al teatro Sistina di Roma dal 7 al 18 febbraio. Per l’attore si tratta di un vero e proprio ritorno alle origini. Nella “casa” di Brachetti si può inciampare nei ricordi del passato e nella visione fantasmagorica di mondi straordinari. L’illusione, la trasformazione e la gioia sono le caratteristiche principali di un eccezionale uomo dello spettacolo contemporaneo.

Il trasformista dei nostri giorni conduce gli spettatori in una “casa” senza luogo e senza tempo, dominata dalla fantasia. Brachetti, dagli anni Novanta, sia in Italia che a livello internazionale, ha avuto il talento e il merito storico di riportare ai fasti di un tempo l’arte teatrale del trasformismo, pressoché scomparsa dalla morte di Leopoldo Fregoli nel 1936.