Steven Spielberg firmerà il remake di “West Side Story”

Steven Spielberg firmerà il remake di “West Side Story”. Il regista 71enne girerà, per la prima volta nella sua carriera, un musical. Sarà una versione personale del capolavoro di Robert Wise, film coreografato da Jerome Robbins e premiato da 10 Oscar.

La versione teatrale di “West Side Story” debutta a Washington il 19 agosto 1957 e dal 26 settembre successivo va in scena a Broadway. Scritto da Arthur Laurents sulle musiche di Leonard Bernstein è ispirato al dramma di William Shakespeare “Romeo e Giulietta”, ambientato però nel quartiere di Lincoln Square a Manhattan, nell'Upper West Side, dove si affrontano due gang, Sharks e Jets.

Il film di Spielberg sarà basato sull'adattamento dell'autore Tony Kushner, che ha scritto l'opera “Angels in America”, successo teatrale riadattato per la televisione Hbo. Kushner ha già collaborato a due film del regista americano, scrivendo i copioni di “Lincoln” e “Munich”.

La direttrice del casting Cindy Tolan ha pubblicato sul suo account Twitter la locandina del bando. “I cercano candidati devono avere età compresa fra i 15 e i 25 anni. Si cercano persone di origine ispanica per i ruoli principali di Maria, Anita e Bernardo”.

Il film di Wise la portoricana Maria è stata interpretata dall'attrice statunitense di origini ucraine Natalie Wood, mentre Bernardo, anche lui portoricano, ha il volto dell’americano dalle origini greche George Chakiris. Anita era invece ha gli occhi della portoricana Rita Moreno. E proprio Chakiris e Moreno hanno ottenuto un Oscar per le rispettive interpretazioni di non protagonisti.