Gli orizzonti mediterranei di Eugenio Bennato

“Da che sud è sud” riparte da Firenze. Il tour di Eugenio Bennato è in programma il primo febbraio al Teatro Puccini. Il cantautore napoletano presenta dal vivo il nuovo disco, composto da inediti e brani di culto.

Tra le prossime tappe di Bennato va ricordato l’Auditorium Parco della Musica di Roma. Dopodiché, parte il tour internazionale. Dal Marocco all’Algeria, dalla Tunisia all’Egitto e altri Paesi del Mediterraneo, fino all’approdo sudamericano.

Bennato fa parte della scuola di cantautori napoletana assieme ai due fratelli Edoardo e Giorgio, a Pino Daniele e Tony Esposito.

Il cantautore è l’alfiere dell’innovazione della musica tradizionale, in una perenne contaminazione tra suoni etnici e orizzonti mediterranei. Il percorso di Bennato inizia con la fondazione della Nuova Compagnia di Canto Popolare.

Bennato racconta le storie degli umili e degli sconfitti. Il suo stile è votato al superamento delle frontiere culturali e linguistiche. Al centro dello spettacolo di Bennato resta la taranta. Una danza arcaica che il musicista riesce a rappresentare nella realtà contemporanea, conquistando le nuove generazioni.

Bennato si esibisce guidando un gruppo di sei voci. Sono quelle di Pietra Montecorvino, dei figli Eugenia e Fulvio, di Sonia, di Giorgia e di Francesca Del Duca.