Marilyn di Warhol venduta all’asta per 195 milioni di dollari

Shot Sage Blue Marilyn, questo il nome del quadro di Andy Warhol che è stato venduto per 195 milioni di dollari. Il piccolo dipinto (un quadrato con lato un metro) ha battuto il record precedente delle “Donne di Algeri”, opera di Pablo Picasso battuta all’asta nel 2015 a 179,4 milioni di dollari. L’iconico ritratto di Marilyn Monroe fu realizzato dal Re della pop art nel 1964, due anni dopo la scomparsa dell’attrice più famosa del Novecento. L’asta organizzata dalla londinese Christie’s si è tenuta a Manhattan, patria ed epicentro del movimento artistico figlio di Andy Warhol. Il quadro è stato venduto in soli quattro minuti, con il prezzo che non si è allontanato troppo dalla base d’asta.

Warhol dipinse cinque Marilyn con diversi sfondi: rosso, arancione, blu, blu salvia (quello messo all’asta) e turchese. Quest’ultimo nella famosa foto con i quadri accostati non era presente. L’opera è stata chiamata Shot Marilyns dopo che una donna, che aveva chiesto allartista di poterla fotografare, ha sparato ai dipinti con una pistola (shoot in inglese vuol dire sia sparare che fotografare). Secondo Georg Frei, presidente della Fondazione che ha venduto il quadro, la Thomas e Doris Ammann, “limmagine di Marilyn firmata Warhol è oggi più celebre rispetto alla fotografia originale, tratta dal film Niagara di Henry Hathaway. Il ritratto spettacolare differenzia la persona dalla star e in questo nuovo millennio la sua potenza visiva rimane intatta”.

Per i critici darte, alla fine il ritratto dell’artista pop ha oscurato le circostanze terribili della vita e della morte di Marilyn, regalandoci il suo sorriso enigmatico che la accomuna a quello altrettanto misterioso di una donna distinta come Mona Lisa.

“È la pittura la più importante del XX secolo ad essere venduta allasta in tutta una generazione – ha sottolineato Christie’s – con il 100 per cento della vendita di un unico dipinto destinato a unopera caritatevole si tratterà anche dell’auctioning più importante a fini filantropici, dopo quelle nel 2018 della collezione di Peggy e David Rockefeller”.

Infatti, i 195 milioni di dollari guadagnati dalla Fondazione saranno utilizzati per migliorare la vita di bambini in tutto il mondo. La Marilyn di Warhol grazie a quest’asta benefica potrà portare sollievo anche a chi, invece di un quadro, ha bisogno di cibo e di un tetto sopra la testa.