Prosegue anche nel mese di settembre il ciclo di incontri “Più cultura, più inclusione” promosso dall’Associazione Ripensiamo Roma per promuovere l’animazione culturale in tutti i quartieri di Roma, dal Centro Storico alle periferie.

Sabato 24 settembre, a partire dalle 17,30, in via Santa Maria dell’Anima 31 A, nella splendida cornice di una suggestiva terrazza con affaccio su Piazza Navona, è prevista la presentazione del libro di poesia “Tra le crepe della vita. Interverranno gli autori Andrea Lepone e Cinzia Baldazzi che si confronteranno con il pubblico insieme al moderatore, Alessandro Orofino. Seguirà la presentazione del progetto musicale Mystica con la cantante Tiziana De Santis, accompagnata al pianoforte da Fabio Bruselles e una breve introduzione sui benefici per la salute e per l’ambiente dell’acqua alcalina ionizzata, tenuta dal professor Arturo Melillo.

“Il senso di questi incontri è che Ripensiamo Roma crede nelle potenzialità della città e vuole che Roma raggiunga le migliori performance su sei diverse dimensioni: quella della Vivibilità con la promozione di infrastrutture, servizi efficienti e di qualità, standard elevati nella mobilità. Quella della Sostenibilità, attraverso il miglioramento della qualità dell’aria e l’implementazione di una sana economia circolare che passa attraverso la diversificazione degli impianti di gestione dei rifiuti e la riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare. Quella della Digitalizzazione, che la trasformi in una città moderna, aperta, inclusiva ed efficiente grazie alla digitalizzazione dei servizi pubblici. Quella della Innovazione con la promozione della crescita sostenibile, dello sviluppo tecnologico e dell’occupazione Quella delle Bellezze, con la valorizzazione del suo immenso patrimonio culturale e delle specialità agro-alimentari e investimenti mirati sullo sviluppo turistico che puntino sulla qualità dei servizi. Quella del Civismo nella convinzione che la cura della città passa dall’amore e l’orgoglio di chi la vive, non solo dei romani ma dei cittadini, di quanti sentono di appartenere a questa comunità perché una città migliore si costruisce dal basso”, ha spiegato Donato Bonanni, presidente dell’Associazione Ripensiamo Roma.

Per info: info@ripensiamoroma.com