Fmi: bene la ripresa dell’Eurozona, ma attenti al debito

La ripresa dell’Eurozona ha preso slancio e si sta rafforzando sempre di più. C’è però una cosa su cui bisogna stare attenti e vigilare: il rischio ancora rappresentato dai Paesi ad alto debito pubblico - come lItalia e il Portogallo - che appesantiscono il quadro generale. Paesi che devono assolutamente proseguire sulla strada del consolidamento e delle riforme strutturali, pur senza deprimere la crescita delleconomia che dopo tanti anni comincia a dare segnali confortanti.

Questo il giudizio degli uomini del Fondo monetario internazionale che hanno da poco concluso la loro missione nellarea euro e si apprestano a stilare un rapporto completo con le sue luci e le sue ombre. Più luci, comunque, come non accadeva da tempo. Questo grazie "al circolo virtuoso" innescato da un costante aumento dei consumi e da un sensibile aumento dei posti di lavoro. Una situazione che, dopo gli anni della grande crisi, sta rendendo la ripresa finalmente più solida.

Per il Fondo si tratta di "una grande opportunità" che il Vecchio Continente ha di fronte, per rendere più profondi i legami allinterno dell'unione economica e monetaria e per rilanciare e rafforzare in tutti i sensi il progetto europeo. Certo, non tutti gli ostacoli dopo la grave crisi dei debiti sovrani sono stati superati. Ci sono ancora Paesi che hanno problemi sul fronte dei conti pubblici. E il Fondo non cita solo lItalia, il Portogallo, la Spagna, ma anche la Francia. È qui che bisogna concentrare lattenzione, con le varie capitali interessate che devono proseguire sulla strada del risanamento e su quella delle riforme strutturali. In particolare - si ribadisce - Roma deve intraprendere "ulteriori riforme sul fronte del mercato del lavoro e su quello dei prodotti e dei servizi, per mantenere la crescita della produttività oltre la crescita dei salari". Questo percorso è possibile - sottolinea l'Fmi - se ci si avvantaggia sia della ripresa in atto sia delle finestre messe ancora a disposizione dalla Banca centrale europea con la sua politica monetaria accomodante.