Parmalat rileva da Kraft attività in Canada

La Parmalat acquista da Kraft i marchi del formaggio naturale in Canada. L’azienda italiana, controllata all’89,6 per cento dal colosso colosso francese Lactalis, ha siglato un accordo con Kraft Heinz Canada per l’acquisizione di una serie di asset della produzione e commercializzazione di “natural cheese”. Il prezzo dell’operazione ammonta è di 1,62 miliardi di dollari canadesi, pari a circa 1,1 miliardi di euro. Nel 2017 il fatturato netto delle attività rilevate è stato pari a circa 560 milioni di dollari canadesi, 374 milioni di euro. L’attività acquisita comprende i marchi “Cracker Barrel”, “P’tit Quebec” e “aMOOza!” e include anche un sito produttivo a Ingleside, Ontario, che impiega a 400 persone, e volumi rilevanti di quote latte.

Per finanziare l’acquisizione, che deve ancora essere autorizzata dalle autorità canadesi, Parmalat ricorrerà a risorse proprie e al debito. L’operazione consente alla società di Collecchio di rafforzare la propria posizione dopo il crac. Lactalis ha rilasciato una garanzia per la somma necessaria. Parmalat sottolinea in una nota che “con questa operazione in un mercato importante come quello canadese, il Gruppo acquisisce un portafoglio rilevante nel segmento dei formaggi natural ad alto valore aggiunto. La significativa valenza strategica dell’acquisizione va ricondotta alla possibilità di fare leva sul marchio Cracker Barrel, integrando l’attuale offerta di natural cheese in Canada a marchio Black Diamond”. Parmalat potrà migliorare il posizionamento “in tutto il territorio canadese, con particolare riferimento al Quebec, regione nella quale Parmalat ha attualmente una limitata penetrazione e in altre zone del Paese nelle quali il Gruppo non è presente”.