Istat: produzione industriale giù del 5,5 per cento

Si confermano negativi i dati per l’industria italiana. La produzione a dicembre 2018, rispetto al mese precedente, segna un calo dello 0,8 per cento. Secondo l’Istat, si tratta della quarta contrazione consecutiva. Su base annua l’indice corretto per gli effetti di calendario segna un ribasso del 5,5 per cento. L’analisi dell’Istituto di statistica è fortemente negativa. “L’indicatore anticipatore – si legge nella nota Istat – ha registrato una marcata flessione prospettando serie difficoltà di tenuta dei livelli di attività economica. A dicembre diminuisce nuovamente la produzione industriale italiana, con una variazione ampiamente negativa sia su base congiunturale sia in termini annui”.

Per l’Istat, “la flessione è diffusa a livello settoriale. Dopo il punto di massimo di dicembre 2017, in tutti i trimestri del 2018 la produzione ha registrato, al netto della stagionalità, flessioni congiunturali, con un calo più marcato nell’ultimo trimestre. Ciononostante, nell’anno i livelli produttivi risultano in moderata crescita, grazie all’effetto di trascinamento dovuto al positivo andamento dell’anno precedente. Sempre in media annua, si rileva una dinamica positiva per i beni strumentali e per quelli di consumo, mentre sono in flessione i beni intermedi e l’energia”.

Complessivamente, nel quarto trimestre il livello della produzione registra una flessione dell’1,1 per cento rispetto ai tre mesi precedenti.