Facciamoli governare e vediamo cosa combinano

Giunti a questo punto del giochino democratico, in cui la surreale proposta politica del Movimento 5 Stelle ha raggiunto un inusitato livello di consenso, non vedo altre alternative se non quella di poter sperimentare sul campo la linea programmatica di Luigi Di Maio e soci. Da questo punto di vista, credo che ogni popolo, per quanto confuso possa essere, abbia il diritto/dovere di verificare sulla propria pelle la “bontà” delle promesse che lo hanno così profondamente attratto. Promesse che nel caso dei grillini, mi permetto di ribadire, non potranno in nessun caso essere mantenute, a meno di non mandare in default il Paese, facendo sprofondare l’Italia nel baratro della povertà e del sottosviluppo.

Non vedo alternative per vaccinarsi contro l’incredibile sicumera di gente che è riuscita a convincere buona parte di una collettività distrutta da un eccesso di protezionismo pubblico, il quale da decenni soffoca le nostre potenzialità di crescita e di sviluppo, che solo incrementando il livello del medesimo protezionismo possiamo uscire dai guai. Se il M5S è riuscito a staccare di quasi 15 punti percentuali il secondo partito su una linea di programmatica che, sempre a mio modesto parere, non contiene alcun elemento lontanamente ragionevole, in un fritto misto di oneste buone intenzioni e di vere e proprie follie economico-finanziarie, bisogna assolutamente metterlo alla prova. Altrimenti, nel caso si realizzasse un qualsiasi Governo che lo tenesse fuori a mo’ di conventio ad excludendum, alle prossime elezioni politiche, le quali per come si sono messe le cose non appaiono molto lontane, c’è il rischio concreto di far ottenere al M5S la maggioranza assoluta dei voti. Ora, visti gli attuali numeri, mi rendo conto che la strada per favorire la nascita di un Esecutivo pentastellato a scopo, per così dire, vaccinale non sarà facile.

Ma al di là delle formule possibili, che in qualche modo già si intravedono all’orizzonte, se vogliamo bloccare la pericolosa deriva sudamericana che si cela dietro l’impressionante avanzata dei demagoghi a 5 Stelle, l’unica opzione valida è quella di consentire al popolo sovrano di saggiarne concretamente la politica, passando rapidamente dalle chiacchiere ai fatti.