Adesso avete rotto

La Commissione dell’Unione europea chiarisce che ha intenzione di collaborare con tutti i governi degli Stati membri. E che quindi sia lì per lavorare con le nuove autorità italiane. Il portavoce della Cancelleria della Repubblica Federale di Germania comunica come il Cancelliere, dato l’alto tasso d’europeismo degli italiani, non si aspetta una politica euroscettica da parte del nuovo Esecutivo. Negli Stati Uniti d’America, l’Amministrazione ha espresso fiducia nel forte atlantismo di Giorgia Meloni. Potremmo andare avanti, eppure gli unici a gettare ancora discredito su chi ha vinto le libere elezioni sono omosessuali e trans.

Non risulta che Giorgia Meloni abbia proposto nulla di draconiano nei loro confronti. Ha solo dichiarato di opporsi all’idea di consentire l’adozione a coppie omosessuali. Un bambino destinato a essere adottato, ha osservato Meloni, in molti casi è già traumatizzato, in quanto i suoi genitori non hanno la possibilità, o la volontà, di tenerlo con loro. Vogliamo imporgli la convivenza con due padri o due madri e non una normale vita, con una figura paterna e una materna? Psicologi e psichiatri seri sottolineano i rischi.

La pretesa libertà di due adulti contro la libertà di crescere del minore, la parte più debole. Diciamola tutta: chi scrive è liberale ed eterosessuale, rispetta le scelte di tutti, anche di genere. Ma è stufo dell’“orgoglio” tracotante di chi, volendo imporre la sua visione della “normalità”, intende far sentire anormale chi si considera del “genere” corrispondente al sesso datogli da Dio o da Madre Natura.