Nuovo editore Nyt, “stampa sotto assedio”

Dal suo ufficio nel grattacielo disegnato da Renzo Piano, il nuovo editore del New York Times A.G. Sulzberger mette in guardia che la libertà di stampa negli Usa è sotto assedio: “Una pericolosa confluenza di forze sta minacciando il ruolo centrale dei media nell’aiutare la gente a meglio comprendere e interagire con il mondo che li circonda”, ha scritto il nuovo capo della Old Grey Lady in un messaggio ai lettori pubblicato sulla storica testata americana. Sulzberger non ha mai esplicitamente citato il presidente Donald Trump, ma la replica dalla Casa Bianca è stata immediata.

“Trattate il Presidente degli Stati Uniti onestamente, in modo che la prossima volta che io (e la gente) vinco, non dobbiate scusarvi con i vostri lettori per un lavoro mal fatto”, ha intimato Trump in due post scaricati su Twitter nel primo giorno a Washington dopo la vacanza a Mar-a-Lago. Nato come messaggio di congratulazioni con polemica, il botta e risposta del presidente contiene più di un monito al nuovo capo del “Failing New York Times”, laddove ‘failing’ si può intendere sia con “sta fallendo” che come “incapace”. Citando la visione del fondatore Adolf Ochs, Trump chiede al nuovo editore di adottare “standard più alti” fornendo notizie in modo imparziale, “senza paura o favore, a prescindere da partito, setta o interesse coinvolto”.

L’attacco al quotidiano segue di pochi giorni una intervista di mezz’ora concessa dallo stesso Trump al giornalista del Times, Michael Schmidt, che lo aveva accompagnato in Florida nella “Casa Bianca d’Inverno”: un colloquio anomalo, procurato dall’editore del sito di estrema destra Newsmax e che aveva spiazzato lo staff del presidente. Accusato di esser stato troppo tenero con il presidente, Schmidt era stato costretto a difendersi mentre sul Washington Post i “fact-checker” tenevano il conto: Trump aveva mentito 34 volte, “una bugia ogni 75 secondi”. Non è chiaro così se il capo della Casa Bianca avesse in mente Schmidt in un altro tweet, quando ha invitato Sulzberger a “assumere giornalisti imparziali, lasciando stare le vostre false o inesistenti ‘fonti’”.

Il nuovo editore, il sesto della famiglia, si è insediato ieri dopo che il 14 dicembre suo padre, il 66enne Arthur Ochs Sulzberger Jr., aveva annunciato il cambio della guardia. Il giornale conta oggi 3,5 milioni di abbonati di cui 2,5 milioni solo all’edizione online e centinaia di migliaia arrivati dopo l’elezione di Trump.