Afghanistan: attentato suicida a Kabul causa 20 morti

Afghanistan: l’attentato suicida a Kabul ha causato 20 morti e 30 feriti. È questo il primo bilancio della strage avvenuto questa sera nella capitale afghana. A rendere noto l’attentato è stato Nasrat Rahimi, portavoce del ministero dell’Interno. Dalle prime ricostruzioni pare che le vittime siano civili e poliziotti. L’attacco è stato rivendicato dallo Stato Islamico, attraverso la sua agenzia Amaq. È quanto riferisce il Site Intelligence group, una Ong che monitora i gruppi terroristici.

L’attentato è avvenuto alle 20.30 ora locale vicino a un checkpoint mobile della polizia, in un’area residenziale, in pieno centro. In quella zona si era da poco conclusa una manifestazione di protesta. Le ragioni che l’avevano animata derivavano dall’uccisione di una persona e dal ferimento di un’altra avvenute durante un’operazione della polizia contro i venditori di alcool e droga. Secondo il portavoce, al momento dell’esplosione, alcuni organizzatori stavano discutendo animatamente con la polizia.

Più di 500 persone sono morte, lo scorso anno, in oltre 20 attentati terroristici a Kabul. L'ultimo è avvenuto otto giorni fa. Con l’uccisione di 41 persone e il ferimento di altre 84 ferite, in un attentato contro un centro culturale sciita. Naturalmente, pronta e immediata era arrivata la rivendicazione dell’Isis.