Corea del Nord: panico alle Hawaii per una falsa allerta missile

Panico alle Hawaii per una falsa allerta missile. Momenti di assoluto terrore. È quanto hanno vissuto i cittadini dello stato americano. Sui loro telefonini è apparso un avviso allarmante: “imminente rischio missilistico contro le Hawaii, cercate immediatamente rifugio, questa non è un’esercitazione”.

Il messaggio era assolutamente credibile, in ragione del fatto che la Corea del Nord, da mesi, ha avviato una serie di test missilistici sempre più precisi. A questo dato va aggiunta la tensione tra Usa e NordCorea alimentata dalle parole dei due leader in campo: Donald Trump e Kim Jong Un. Per fortuna, poco dopo il messaggio è stato diramato il falso allarme dall’agenzia statale per le Emergenze.

“Il sistema di allerta dello stato - ha comunicato online il dipartimento di polizia di Honolulu - ha diffuso per errore un allarme missilistico. Non c’è nessuna minaccia contro lo stato delle Hawaii”.

L’errore sarebbe opera di un funzionario addetto al sistema. Frattanto, non è ancora chiaro cosa sia accaduto. Per rassicurare i cittadini è intervenuta su Twitter Tulsi Gabbard, deputata delle isole del Pacifico al Congresso di Washington: “questo è un falso allarme, non c’è nessun missile in arrivo verso le Hawaii”.

Secondo i calcoli del Los Angeles Times, pare sia trascorso un tempo “infinito” tra il primo messaggio allarmistico e il secondo che smentiva tutto: quaranta minuti.