La Turchia minaccia di invadere la Grecia

Meno di due settimane dopo che il ministero greco della Difesa aveva denunciato la violazione del proprio spazio aereo da parte della Turchia per 138 volte in un solo giorno, una motovedetta della Guardia costiera turca, il 13 febbraio scorso, ha speronato una nave della guardia costiera ellenica al largo di Imia, una delle numerose isole greche su cui Ankara rivendica la propria sovranità.

La maggior parte delle zone all’interno dei confini attuali della Grecia rimasero sotto il dominio dell’Impero ottomano da metà del XV secolo fino alla guerra d’indipendenza greca del 1821 e alla creazione dello Stato moderno greco del 1832. Ma le isole, come il resto della Grecia, sono giuridicamente e storicamente elleniche, come indicano i loro nomi.

Tuttavia, l’Akp, il Partito per la giustizia e lo sviluppo, al potere in Turchia, e anche gran parte dell’opposizione sembrano determinati, per non dire ossessionati, dall’idea di invadere e conquistare queste isole greche in quanto considerate da sempre territorio turco.

A dicembre 2017, ad esempio, Kemal Kılıçdaroğlu, il leader del Chp, il principale partito turco di opposizione, ha dichiarato che se dovesse vincere le elezioni nel 2019, “invaderà e assumerà il controllo delle 18 isole greche nel mare Egeo, proprio come l’ex premier turco Bulent Ecevit invase Cipro nel 1974”. Kılıçdaroğlu ha detto che non esiste “alcun documento” che dimostri che quelle isole appartengano alla Grecia.

Anche Meral Akşener, a capo del neopartito di opposizione Iyi parti, [in turco “il buon partito” o “partito del bene”, N.d.T.], ha invocato l’invasione e la conquista delle isole. “Bisogna fare ciò che è necessario”, ha twittato il 13 gennaio.

Ovviamente, la dichiarazione più audace e forte è arrivata dal presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, a quanto pare incoraggiato dall’invasione militare di Afrin, nel nord della Siria, di fatto incontrastata.

“Lanciamo un monito a chi ha passato il segno nel mare Egeo e a Cipro”, ha dichiarato Erdoğan, aggiungendo:

“Il loro coraggio persisterà solo fino a quando non vedranno il nostro esercito, le nostre navi e i nostri aerei. (...) Che si tratti di Afrin, del mare Egeo o di Cipro, i nostri diritti sono gli stessi. Non pensiate mai che la prospezione di gas naturale nelle acque di Cipro e altri tentativi opportunisti nel mare Egeo passino da noi inosservati.

“Proprio come mettiamo fine ai piani [nella regione] con le operazioni “Scudo dell’Eufrate” e “Ramoscello d’Ulivo” [in Siria] e presto a Manbij e in altre regioni, possiamo distruggere, e lo faremo, i piani di chi fa calcoli sbagliati sul nostro confine meridionale. (...) Le nostre navi e le nostre forze aeree sorvegliano la zona per intervenire in ogni modo, se necessario”.

Riferendosi ai tempi dell’Impero ottomano, Erdoğan ha affermato:

“Chi pensa che ci siamo dimenticati delle terre dalle quali ci ritirammo in lacrime cent’anni fa, si sbaglia.

“Diciamo ogni volta che si presenta l’occasione che la Siria, l’Iraq e altri luoghi sulla mappa geografica dei nostri cuori non sono diversi dalla nostra patria. Stiamo lottando affinché una bandiera straniera non venga sventolata in alcun posto dove sia recitato un adhan [la chiamata islamica alla preghiera nelle moschee].

“Quello che abbiamo fatto finora è nulla in confronto agli attacchi ancor più grandi che stiamo pianificando per i prossimi giorni, inshallah [se Allah lo vuole].”

La dinastia ottomana e il suo impero furono fondati da un capo nomade turcomanno attorno al 1300. Nel corso degli oltre seicento anni del periodo ottomano, i turchi ottomani, che rappresentavano anche il Califfato islamico, hanno regolarmente lanciato il jihad, invadendo e occupando terre in tre continenti.

I fautori del neo-ottomanesimo in Turchia abbracciano ancora con orgoglio il concetto di jihad (la guerra santa islamica) contro i kafir (gli infedeli). Il capo della Diyanet, la Direzione per gli Affari religiosi finanziata dallo Stato, ha apertamente descritto la recente invasione militare di Afrin come un “jihad”.

Questo termine ha senso se si pensa che i turchi musulmani devono la loro maggioranza demografica in Asia Minore a secoli di persecuzioni e discriminazioni turche contro i cristiani, gli yazidi e gli ebrei della regione. Nell’XI secolo, i jihadisti turchi dell’Asia centrale invasero e conquistarono l’Impero bizantino, cristiano e di lingua greca, aprendo la strada alla graduale turchificazione e islamizzazione della regione, attraverso metodi quali omicidi, rapimenti, stupri e conversioni forzate.

Il più grande assalto turco contro i cristiani avvenne nel XX secolo. Dal 1914 al 1923, i turchi ottomani commisero un genocidio contro i greci, gli armeni e gli assiri (siriaci/caldei). Ciò non ha impedito alla Turchia di diventare membro della NATO nel 1952. L’attacco non le ha nemmeno impedito, tre anni dopo l’adesione alla Organizzazione del Trattato Nord Atlantico, di commettere un selvaggio pogrom contro la popolazione greca di Istanbul, o di cacciare con la forza, nel 1964, i greci rimasti in Turchia.

E proprio perché i turchi non sono mai stati ritenuti responsabili delle loro azioni e aggressioni criminali che continuano a minacciare la sicurezza e la sovranità dei paesi vicini. È giunto il momento che l’Occidente si svegli e richiami all’ordine Ankara.

(*) Gatestone Institute

Traduzione a cura di Angelita La Spada