“Green Deal” europeo, Von der Leyen: “È ora di agire sul clima”

Ursula von der Leyen vuole caratterizzare con il “Green Deal” il suo mandato alla guida della Commissione europea. Il progetto prevede investimenti di 260 miliardi l’anno con l’obiettivo di portare nel lungo termine gli investimenti per il clima al 25 per cento del bilancio europeo. Intervenendo alla Plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo, la von der Leyen ha detto che “i sei mesi della presidenza croata saranno cruciali anche per la transizione climatica ed ecologica: non abbiamo più bisogno di parlare di urgenza e di obbligo di agire, non più, perché dobbiamo passare all’azione e mettere in atto il nostro patto verde per l’Europa, il lavoro per farlo inizia oggi”.

La presidente della Commissione Ue ha aggiunto che “dopo questo dibattito il collegio discuterà i piani di investimento del ‘Patto verde’ e per i meccanismi della transizione giusta, un meccanismo che darà la priorità alle regioni che affronteranno in maggior misura questa sfida e che dovranno fare sforzi enormi”. L’Europarlamento si appresta ad esaminare e votare questa settimana il “Green Deal” voluto dalla Von der Leyen, approvando anche alcune risoluzioni per la riduzione delle emissioni di CO2.

Oggi, gli eurodeputati saranno chiamati ad esaminare alcune proposte per incentivare l’Ue a ridurre le emissioni di carbonio, mentre il giorno chiave sarà domani, quando sarà esaminato il piano per il clima della Von der Leyen e sarà votata la risoluzione che impegna l’Ue a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 ed aggiusta gli obiettivi di riduzione delle emissioni entro il 2030, prima della conferenza sul clima di dicembre 2020 a Glasgow. Il Parlamento ha già sottolineato che l’Ue dovrebbe ridurre le emissioni del 55 per cento entro il 2030 per diventare climaticamente neutrale entro il 2050 e che un ambizioso bilancio a lungo termine dell’Ue per il 2021-2027 deve essere concordato con urgenza, per dare il via alle relative politiche.