La fatwa di Khamenei contro Charlie Hebdo

Non si fermano nel mondo islamico le condanne contro Charlie Hebdo. Dopo le accuse di Turchia e Pakistan, è la Guida suprema iraniana Ali Khamenei a scagliarsi contro la scelta della rivista satirica francese di ripubblicare le caricature del profeta Maometto, che l’avevano resa un obiettivo dei jihadisti. Un “peccato imperdonabile”, l'ha definito la massima autorità della Repubblica islamica, dopo che il ministero degli Esteri aveva già bollato le vignette come “una provocazione e un insulto” al mondo islamico. Ma la “fatwa” pronunciata oggi è ancora più dura. Secondo Khamenei, la scelta del giornale “ha rivelato l'ostilità e l'odio del sistema politico e culturale occidentale verso l'islam e la comunità musulmana”.

Nel suo numero della scorsa settimana, Charlie Hebdo aveva replicato le caricature in occasione dell’apertura del processo per le stragi del gennaio 2015 nella sua redazione e al supermercato ebraico Hyper Cacher, che fecero 17 vittime. Un’iniziativa cui ha fatto scudo lo stesso presidente francese Emmanuel Macron, parlando di “una libertà di blasfemia che è legata alla libertà di coscienza”.

Nel suo messaggio, Khamenei parla invece di “pretesto della libertà di espressione”, denunciando come “sbagliato e demagogico” l'atteggiamento dell’Eliseo.