Marocco, l’obiettivo è deradicalizzare i veterani dell’Isis

Deradicalizzare i veterani dell’Isis è l’obiettivo dell’autorità carceraria marocchina. L’impresa non è impossibile. Un ex combattente, 38enne, che chiameremo Mohsin, ne rappresenta l’esempio lampante. Nasce in Marocco. Dopo aver abbandonato la scuola da adolescente, ha detto che “era praticamente analfabeta e non riusciva a distinguere il bene dal male”. In seguito, ha voluto prendere parte a una “Santa battaglia” in Siria, nel 2012. Oggi la definisce “un’esperienza terrificante”. Ora detenuto sostiene di non essere più il fanatico di allora, pieno di odio omicida per i non musulmani. Catturato in Turchia ed estradato in Marocco, sta scontando una pena detentiva di dieci anni, con l’accusa pesantissima, di terrorismo.

Ha detto di essere stato radicalizzato da persone che gli hanno mostrato video estremisti “sull’obbligo divino di combattere coloro che non seguono i principi islamici e di uccidere i non musulmani”. In Siria, “ho visto massacri, stupri e furti”, ha detto. “Dopo un po’ ho concluso che la lotta condotta in nome dell’Islam non aveva nulla a che fare con la nostra religione”. È fuggito in Turchia nel 2018 ed è stato detenuto lì per un anno, prima di essere estradato in Marocco. Dice che ora ha sconfessato l’estremismo. “Quel periodo della mia vita è passato”, ha detto.

Numerosi marocchini si sono recati in Siria, Iraq e altrove per unirsi a gruppi estremisti. Anche il Marocco ha subito diversi attacchi. Cinque attacchi suicidi a Casablanca nel 2003 hanno ucciso 33 persone. Nel 2011 un’esplosione ha distrutto un caffè a Marrakech, uccidendo 17 persone, la maggior parte delle quali turisti stranieri. Al Mustapaha Razrazi, psicologo clinico e membro del comitato scientifico del programma, ha affermato che “tra le 156 persone che sono state rilasciate dopo aver frequentato i corsi, solo una è stata sorpresa a commettere nuovamente un crimine. Quella persona è stata condannata per un reato non legato al terrorismo”.

Oggi Mohsin si è laureato, insieme ad altri 14 prigionieri condannati per reati terroristici, con un programma di deradicalizzazione in Marocco che potrebbe renderli più idonei per un rilascio anticipato. L’Associated Press e altri media sono stati invitati ad assistere alla cerimonia di consegna dell’attestato giovedì, in una prigione di Sale vicino alla capitale marocchina, Rabat. I cronisti dell’agenzia di stampa hanno intervistato alcuni prigionieri in condizioni monitorate e controllate.

I funzionari dell’amministrazione carceraria hanno selezionato tre uomini che hanno detto che erano disposti a essere intervistati. I funzionari hanno stabilito che i detenuti non sarebbero stati identificati con i loro nomi completi e che i loro volti non sarebbero stati mostrati.

I funzionari della prigione hanno affermato che il programma di deradicalizzazione consisteva in tre mesi di lezioni in prigione su religione, diritto ed economia e che i detenuti hanno anche ricevuto una formazione su come avviare un’impresa. Questi laureati più recenti sono stati il ​​nono lotto dall’inizio del programma nel 2017. Chiamato “Moussalaha”, che in arabo significa “riconciliazione”, il programma è offerto ai prigionieri che hanno dimostrato la disponibilità a sconfessare l’estremismo. Moulay Idriss Agoulmam, direttore dell’azione socio-culturale e del reinserimento dei detenuti presso l’amministrazione carceraria marocchina, ha affermato che il programma è interamente volontario e lavora con i detenuti “per cambiare il loro comportamento e migliorare il loro percorso di vita. Consente ai prigionieri di formare una consapevolezza della gravità dei loro errori”. La laurea dal programma non rende i detenuti automaticamente idonei per il rilascio anticipato, ma aumenta le loro possibilità di ottenere una grazia reale o una riduzione della pena. Finora è stato così per poco più della metà dei 222 laureati del programma, afferma l’amministrazione carceraria. Dal 2019, la formazione è stata offerta anche alle donne condannate ai sensi della legge antiterrorismo del Marocco.

Finora si sono laureate dieci donne, tutte rilasciate da allora, di cui otto con la grazia.