WhatsApp non condividerà i dati personali

Il diritto alla riservatezza è imprescindibile, soprattutto su Internet. La notizia è che WhatsApp, l’applicazione di messaggeria per device mobili, non condividerà con Facebook (a cui appartiene) i dati dei suoi utenti europei almeno fino al 25 maggio, data in cui entrerà in vigore il General Data Protection Regulation, cioè il regolamento Ue in materia di privacy.

Lo ha assicurato la compagnia, che in settimana ha siglato un impegno in tal senso. Nel testo WhatsApp afferma che la condivisione dei dati potrebbe avvenire dopo il 25 maggio, ma in completo accordo con i requisiti previsti dal regolamento. Una reale vittoria per i milioni di utenti e per chiunque si batta per la protezione dei dati personali. Non a caso, il Regno Unito aveva avviato un’indagine sulla condivisione dei dati tra le due compagnie nell’agosto 2016.

Il nodo è l’aggiornamento delle politiche sulla privacy notificato da WhatsApp nell’estate 2016, con cui la chat chiedeva agli utenti il permesso di condividere le informazioni con Facebook. Ora le cose potrebbero cambiare.