Ue, roaming: nessuna tariffa extra fino al 2032

Estendere l’abolizione del roaming a pagamento fino al 2032? Sì può fare! È arrivato l’accordo politico tra le istituzioni dell’Unione europea: nel 2015 il regolamento aveva raggiunto la quadra dopo anni di discussioni, diventato da subito una delle norme più apprezzate tra quelle adottate dall’Ue. Non solo: in base a una consultazione realizzata dalla Commissione europea nel 2020, il 96 per cento delle persone raggiunte si è detta sicura (o molto sicura) di beneficiare delle misure inserite dal regolamento.

Cosa prevede il nuovo regolamento

Va detto subito che il nuovo regolamento sarà in vigore dal 2022. In questo modo, sarà prorogato il sistema Roam like home, che scade il 30 giugno 2022, permettendo così ai cittadini di utilizzare i propri telefoni cellulari quando si trovano all’estero, all’interno dell’Ue, senza costi aggiuntivi rispetto alle tariffe nazionali.

Qualità e velocità di connessione

Stessa velocità di connessione e medesima qualità: di questo i consumatori avranno diritto, sia all’estero che nel proprio Stato di appartenenza, dove ovviamente siano presenti reti analoghe. A stretto giro l’accordo finirà sul tavolo del Comitato dei rappresentanti permanenti (Coreper) e a seguire su quello del Parlamento europeo. Secondo i rumors, ci sarà un’approvazione definitiva nei primi mesi del nuovo anno.