Mauro: “Mezzogiorno dimenticato”

“Sono contro la fiducia al Governo inadeguato della sinistra e a un decreto fiscale assolutamente strabico. Nel documento sono state dimenticate le misure a sostegno del Mezzogiorno e in favore delle piccole e medie imprese, settore trainante del Paese. Ma ormai manca poco all'avvento del nuovo Governo di centrodestra. Allora la musica, finalmente, cambierà”.

Così il senatore Giovanni Mauro, segretario alla Presidenza del Senato, intervenendo stamattina in Aula, nel corso delle dichiarazioni di voto sul decreto fiscale.

“Il testo - afferma il senatore Mauro - mostra un assoluto sbilanciamento delle misure economiche previste. La maggioranza afferma che il Paese vada a due velocità, sostiene che si debba intervenire per superare le aree di crisi, ma poi lascia il Meridione al proprio destino”.

Per il senatore Mauro, “la sinistra non riesce a comprendere che la capacità di ripresa del Paese, nonostante le contingenze internazionali, dipenda dall'eccezionale sforzo delle piccole e medie imprese che resistono e creano sviluppo, a prescindere dall'indifferenza del Governo. L'Esecutivo, con tutta evidenza, non vuole sostenere questo comparto, infischiandosene di creare nuova occupazione e limitandosi a promuovere dei provvedimenti spot”.

Secondo il senatore Mauro, “questa maggioranza non ha alcuna visione organica degli interessi del Paese. Con questo decreto, la sinistra dimostra di essere inadatta a guidare l'Italia. Ma sono certo che, per i suoi disastri, pagherà un conto salatissimo alle prossime elezioni nazionali. Frattanto, mi dispiace che, nell'immediato, a pagare i ritardi del Partito Democratico nelle sue molteplici espressioni, siano i cittadini italiani. Che continuano ad attendere, invano, le riforme economiche necessarie per lo sviluppo nazionale”.

Per il senatore Mauro, “il Governo, con questo documento, ha cercato solo la propaganda e i titoli sui giornali, non guardando alle esigenze reali della collettività. Gli italiani continuano ad essere vessati da un fisco ingiusto. L'Esecutivo pensa solo di accordare nuovi condoni ai ricchi e trascura sia le piccole e medie imprese italiane che i piccoli professionisti. Ma il capolavoro dell'azione fallimentare del Governo in tema fiscale, riguarda la mancata abolizione di Equitalia. Che continua, indisturbata, ad usare gli stessi metodi oppressivi di sempre”.

Secondo il senatore Mauro, “la sinistra è interessata soltanto a ricucire le proprie spaccature interne. Infatti, ha favorito la Sardegna e ha umiliato, ancora una volta, la Sicilia. Le ragioni sono da ricercarsi nel fatto che, evidentemente, i rappresentanti siciliani della sinistra non sono sufficientemente autorevoli”.