Ponte Genova, Toninelli: “Decreto venerdì in cdm”

Il governo si attiva sulla tragedia di Genova. Aiuti per il pagamento dei mutui da parte delle famiglie e alle imprese attraverso le agevolazioni fiscali. Sono queste le misure che Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, promette di inserire nel decreto per Genova, la città martoriata dal crollo del Ponte Morandi, e che arriverà in Consiglio dei Ministri venerdì prossimo.

Toninelli ne ha parlato durante l’audizione alla commissione Ambiente della Camera, sulle linee programmatiche del suo dicastero. Ha precisato che si tratta di un decreto “molto importante” che conterrà “un aiuto alle famiglie in tema di mutui e un aiuto alle imprese con agevolazioni fiscali”.

Nel decreto non ci sarà solo la parte su Genova, ma anche interventi sulla manutenzione e una parte relativa ai sensori, ha spiegato il ministro. Che ha tracciato la via verso un affidamento diretto dei lavori per il nuovo viadotto a Fincantieri. Ribadendo quindi che Autostrade per l’Italia, controllata di Atlantia della famiglia Benetton, non avrà un ruolo nella ricostruzione del ponte sulla A10.

“L’obiettivo è far ripartire una delle città più importanti del nostro paese”, dichiara Toninelli. “La ricostruzione del ponte sarà il primo obiettivo. Partiremo dalle regole attuali del Codice, e sulla base dell’eccezionalità potremo affidare direttamente a una società pubblica, pensiamo a Fincantieri, l’appalto per la ricostruzione del ponte”.

L’idea di derogare al Codice degli Appalti, ha spiegato, è stata sottoposta anche al vaglio di Bruxelles perché arrivi il placet all’assegnazione immediata del cantiere.