Manovra: la Lega vuole la sanatoria per Imu, Tasi e bollo auto

La Lega chiede al governo la sanatoria per Imu, Tasi e bollo auto. Il Carroccio invoca un condono fiscale da estendere alle imposte patrimoniali degli enti territoriali. Il partito inserisce uno degli emendamenti al Decreto legge fiscale collegato alla manovra. Il primo firmatario della proposta è Enrico Montani. La sanatoria dovrebbe riguardare “le entrate, anche tributarie dei comuni, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale, notificati negli anni dal 2000 al 2017, dagli enti e dai concessionari della riscossione. Saranno poi gli enti locali a stabilire, “le entrate, anche tributarie dei comuni, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale”.

Un altro emendamento leghista dovrebbe prevedere il raddoppio della multa, compresa tra 848 e 3.393 euro, per gli automobilisti sorpresi, più di una volta, a viaggiare senza assicurazione. Addirittura, nei casi di reiterazione, è stata proposta anche “la sanzione amministrativa accessoria del fermo amministrativo del veicolo per 45 giorni e la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente per 60 giorni”. La Lega avrebbe anche chiesto l’introduzione di una nuova tassa per rifinanziare il Fondo infrastrutture del ministero dell’Economia, da applicare ai trasferimenti nei Paesi extra Unione europea.