Vladimir Sputin alle corde va ripristinando certi antichi istituti del peggior sovietismo comunista: il passaporto interno, la deportazione al fronte, il “voto con i piedi” che adesso i Russi esercitano in automobile emigrando per sottrarsi al dittatore.