Valanga in Alto Adige: muoiono una bambina e la madre

Un’escursione felice si trasforma in tragedia. Muoiono una bambina di 11 anni e la madre 45enne travolte da una valanga. Entrambe tedesche, originarie di Ludwigsburg nel Baden - Wuerttemberg (Germania). È accaduto in Alto Adige. A 2.100 metri di altitudine sulle pendici del Seekoepfl, all’altezza della stazione intermedia della cabinovia del comprensorio sciistico di Belpiano (San Valentino alla Muta) in Alta Val Venosta.

Per la ragazzina (M.T. le sue iniziali) e la madre (M.T. le sue iniziali) era la giornata ideale per sciare sotto una copiosa nevicata “natalizia”. Purtroppo, durante l’escursione, sono state letteralmente sommerse da una valanga, staccatasi all’improvviso. Le due donne facevano parte di un gruppo di nove persone. Secondo le prime ricostruzioni pare che madre e figlia abbiano intrapreso una sciata fuoripista. Illese le altre sette persone. Anche se due di esse sono state investite dalla slavina ma soccorse in tempo.

La piccola è morta sul luogo della valanga, nonostante i numeri tentativi di rianimazione. La madre è stata trasportata all’ospedale di Silandro. Ma è spirata poco dopo il ricovero. Difficili le operazioni di soccorso a causa delle difficili condizioni meteo. Oltre alla neve, nella zona soffiavano forti raffiche di vento.

Nella fase dei soccorsi si è voluto evitare l’utilizzo di motoslitte e altri mezzi a motore, per scongiurare altre valanghe. I soccorritori si sono recati sul luogo del distacco calzando delle racchette da neve.

La tragedia che si è consumata oggi, purtroppo, ha un precedente. Infatti, il 3 gennaio 1999, sempre in Val di Roia in Alta Val Venosta, non distante da San Valentino alla Muta, una valanga uccise tre escursionisti tedeschi. Anche allora morirono una madre (58 anni) e una figlia (28). Oltre ad un 61enne.