Scattano le multe per chi non accetta pagamenti elettronici

Tante volte la risposta è stata: “non ce l’ho”, “non funziona”, “accetto solo contanti”, “c’è una banca qui di fronte”, in alcuni casi anche “ci pago troppo di commissioni”, ecc.. Una storia che per gli acquirenti e di conseguenza i commercianti sembra volgere al termine, con buona pace di tutti.

La notizia: multe in vista per commercianti e professionisti che da giovedì non permetteranno i pagamenti elettronici tramite Pos.

Il 30 giugno infatti scattano infatti le nuove regole previste dall’ultimo decreto Pnrr, che per negozianti, artigiani e studi professionali prevedono non più solo l’obbligo di accettare i pagamenti con carta, ma anche l’applicazione di sanzioni in caso di mancato adeguamento alla normativa.

Il decreto ha anticipato di sei mesi l’entrata in vigore delle multe (più volte previste ma sempre rimandate). Per chi rifiuta il pagamento elettronico è prevista una sanzione amministrativa di 30 euro, aumentata del 4 per cento del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione.