Cambridge Analytica, Zuckerberg si scusa

Nuovi sviluppi del caso Facebook-Cambridge Analytica. Il Ceo del celebre social network, Mark Zuckerberg, torna a scusarsi acquistando spazio su quotidiani britannici e americani in cui ha ribadito che si sarebbe trattato di una violazione della fiducia.

Si rammarica che non si sia fatto di più all’epoca e si sta lavorando per garantire che non accada più. Emergono intanto altri dubbi sulla tutela della privacy con la segnalazione in un rapporto della pubblicazione Ars Techinca, citato da Cnbc, secondo cui Facebook avrebbe salvato dati degli utenti di telefoni Android.

Il social network da parte sua ha risposto che si tratta di una pratica diffusa per avviare l’uploading dei contatti telefonici, aggiungendo che gli utenti danno il loro consenso alla funzione che è opzionale e che i dati sui contatti possono essere cancellati dal loro profilo usando uno strumento disponibile sui browser.