Fb modifica la policy sulla privacy

Dopo il caso Cambridge Analytica, Facebook fa i compiti a casa e modifica le proprie impostazioni sulla privacy. Proprio mentre Mark Zuckerberg ammetteva che gli account profilati e utilizzati da Cambridge Analytica sarebbero 87 milioni, il social network opera una profonda ristrutturazione interna, mirata a rafforzare la privacy della propria comunità.

Tuttavia ogni cambiamento in un sistema così complesso comporta un adeguamento dei servizi a esso collegati: per questa ragione, durante le prime ore di oggi, gli utenti Tinder che avevano verificato il loro profilo tramite il social network si sono visti impossibilitati ad accedere alla piattaforma per incontri online.

Tornando allo scandalo dei big data, Facebook avviserà gli utenti le cui informazioni sono state condivise da Cambridge Analytica da lunedì 9 aprile. Sempre a partire da lunedì comparirà in cima alla bacheca un link che mostrerà tutte le app che utilizziamo e le informazioni condivise con queste applicazioni. E gli utenti saranno in grado di rimuovere le app che non vogliono più.