Facebook, stop alla raccolta di dati medici

Facebook fa marcia indietro sui dati relativi ad alcuni utenti che hanno come obiettivo analizzare e confrontare i dati di pazienti di ospedali e strutture sanitarie per un progetto di ricerca.

La società di Mark Zuckerberg avrebbe ammesso nel pomeriggio di ieri che la notizia è vera, ma il progetto sarebbe stato messo da parte lo scorso marzo solo dopo l’esplosione dello scandalo Cambridge Analytica. Da quanto risulta, le discussioni sarebbero state avviate con la American College of Cardiology (ACC) e la Stanford University School of Medicine.

Secondo la società, stando a quanto riporta il Guardian, tutto è stato fermato prima che i dati venissero condivisi o analizzati. Nelle intenzioni di Facebook e degli istituti medici la ricerca avrebbe dovuto mettere a confronto - in forma anonima - i dati medici dei pazienti e le informazioni degli utenti.