Meta: la funzionalità per Facebook e Instagram

Una pianificazione a pagamento. Meta medita sulle possibili funzionalità a per Facebook, Instagram e WhatsApp. Per queste ragioni ha messo su una squadra di esperti che studi la questione. La notizia è apparsa sul sito specializzato in tecnologia The Verge che ha visionato un memo interno inviato ai dipendenti la scorsa settimana. Secondo il sito web si tratta della prima incursione di Meta nella creazione di funzionalità a pagamento nelle sue principali app che insieme vantano miliardi di utenti. E arriva dopo un calo per la società nella raccolta pubblicitaria e investimenti dirottati nel metaverso, la nuova scommessa della compagnia di Mark Zuckerberg. L’ultima trimestrale di luglio ha certificato ricavi diminuiti anno su anno per la prima volta in assoluto.

Il gruppo di lavoro costituito da Meta è stato chiamato “New Monetization Experiences”. La guida del team sarà affidata a Pratiti Raychoudhury, che in precedenza era il capo della ricerca di Meta. “Vediamo opportunità per creare nuovi tipi di prodotti, funzionalità ed esperienze per cui le persone sarebbero disposte a pagare e per cui sarebbero entusiaste di pagare”, ha affermato a The Verge John Hegeman, vicepresidente monetizzazione di Meta che supervisiona il gruppo e che ha fatto intendere “un orizzonte temporale di cinque anni”.

Sulle piattaforme di Meta sono presenti già funzionalità a pagamento come nei gruppi di Facebook; su WhatsApp viene addebitata ad alcune aziende la possibilità di inviare messaggi ai propri clienti; mentre Instagram ha recentemente annunciato che i creatori potrebbero anche iniziare ad addebitare un abbonamento per l’accesso a contenuti esclusivi.