California versus Amazon: “Prezzi artificialmente alti”

Secondo la California Amazon viola le norme antitrust dello Stato e soffoca la concorrenza. Il colosso delle vendite online manterrebbe i prezzi “artificialmente alti”, costringendo i venditori di parti terze ad accordi che violano le norme antitrust e soffocano la concorrenza dello Stato più popoloso d’America e quello con l’economia più grande. È l’accusa mossa ad Amazon dalla California, che ha avviato un’azione legale contro la creatura di Jeff Bezos. L’obiettivo della causa del procuratore generale del Golden State, Rob Bonta, è quello di bloccare le politiche attuate da Amazon e nominare un consulente per monitorare e controllare che il colosso del web si adegui ai requisiti.

Le autorità californiane cercano anche un ammontare non specificato di danni. “Amazon – afferma Bonta – costringe i venditori ad accordi che mantengono i prezzi artificialmente alti sapendo che non possono permettersi di rifiutare. Molti prodotti che acquistiamo online potrebbero essere più economici se lasciassimo agire le forze di mercato”. Nella documentazione depositata in tribunale, il procuratore spiega che i prodotti di venditori terzi rappresentano la maggior parte delle vendite di Amazon. “Ai venditori – aggiunge – è chiesto di firmare intese che li penalizzano nel caso dovessero offrire i loro prodotti a prezzi più bassi su siti rivali come Walmart o Target. Coloro che violano gli accordi rischiano la sospensione o addirittura la rimozione”.

Non è la prima volta che le pratiche di Amazon nei confronti dei venditori finiscono nel mirino delle autorità. L’azione legale della California è infatti simile a quella avviata lo scorso anno dal procuratore di Washington Dc, Karl Racine. La causa è stata respinta ma Racine, non intende mollare e sta cercando di rilanciarla in appello. Ma quella della California, presenta particolari rischi per Amazon considerato che le regole dello Stato determinano spesso come le aziende operano a livello nazionale.