Tablet e pc: spedizioni in crisi

È crisi delle spedizioni per pc e tablet. Dopo le note positive, adesso le proiezioni sono altre. Gli analisti di International data corporation, nel report Worldwide quarterly personal computing device tracker, segnalano che la diminuzione – per quanto concerne i personal computer – sarà del 12,8 per cento (toccando quota 305,3 milioni di unità), mentre per i tablet la flessione sarà del 6,8 per cento (156,8 milioni).

In tale quadro di picchiata è il rientro del trend all’acquisto dei dispositivi: durante la pandemia, c’è stato un boom per le necessità legate allo smart working e alla didattica a distanza. Il prossimo anno, invece, c’è il rischio che i dati possano essere negatici sia a causa della massima concentrazione raggiunta nel settore dell’istruzione e di un peggioramento delle condizioni economiche delle imprese. Il report di Idc ha notato: “Si prevede che il mercato combinato di Pc e tablet diminuirà del 2,6 per cento nel 2023 prima di tornare a crescere nel 2024”.

Jitesh Ubrani, responsabile della ricerca per Idc mobility and consumer device trackers: “Sebbene la domanda stia rallentando, le prospettive per le spedizioni rimangono al di sopra dei livelli pre-pandemia. La domanda a lungo termine sarà trainata da una lenta ripresa economica combinata con un aggiornamento dell'hardware aziendale”.