Gas: come risparmiare, il Piano

“Il Governo conferma gli impegni di decarbonizzazione per il 2030, che anzi assumono in questa fase un’ulteriore rilevanza ai fini strategici dell’aumento della indipendenza energetica”. Un insieme di misure che “consentirà nel medio termine (a partire dalla seconda metà del 2024) di ridimensionare drasticamente la dipendenza dal gas russo e comunque di ridurre l’uso del gas in generale”.

Il Mite (ministero della Transizione ecologica) ha pubblicato il regolamento per realizzare da subito “risparmi utili a livello europeo a prepararsi a eventuali interruzioni delle forniture di gas dalla Russia”. Secondo quanto previsto, troviamo la riduzione di un grado per il riscaldamento degli edifici, da 17 con più o meno due gradi di tolleranza per gli edifici che sono adibiti ad attività industriali, artigianali e assimilabili, da 19 con più o meno 2 gradi di tolleranza per tutti gli altri edifici.

Inoltre, è scritto: “I limiti di esercizio degli impianti termici, rispetto a quanto previsto dal comma 2 dell’articolo 4 del Dpr (Decreto del Presidente della Repubblica) numero 74/2013, sono ridotti di 15 giorni per quanto attiene il periodo di accensione (posticipando di 8 giorni la data di inizio e anticipando di 7 giorni la data di fine esercizio) e di un’ora per quanto attiene la durata giornaliera di accensione”. È precisato, comunque, che sono fatte salve le utenze sensibili (come ospedali o case di ricovero).

Nel dettaglio, le stime dell’impatto delle misure di contenimento indicate dal regolamento “portano ad un potenziale di circa 5,3 miliardi di metri cubi di gas, considerando la massimizzazione della produzione di energia elettrica da combustibili diversi dal gas (circa 2,1 miliardi di Smc di gas) e i risparmi connessi al contenimento del riscaldamento (circa 3,2 miliardi di Smc di gas)”. Da qui il contributo atteso dalle indicazioni segnalate, insieme alle misure comportamentali nell’uso efficiente dell’energia, mirano a “una riduzione dei consumi coerente con il 15 per cento del regolamento Ue, pari quindi almeno a 8,2 miliardi di Smc di gas naturale”.