Agricoltura, Cattaneo: “Su biodinamica la politica ignora la scienza”

Elena Cattaneo è convinta che la crisi pandemica abbia mostrato “l’importanza delle evidenze scientifiche”. La senatrice a vita e docente, in un intervento sul Messaggero, denuncia l’equiparazione della biodinamica all’agricoltura biologica in discussione alla Commissione agricoltura della Camera. Il discusso disegno di legge è una scelta “inaccettabile per la comunità scientifica”. Vi è stata una mobilitazione di società scientifiche che hanno inviato un documento unitario ai deputati e al ministero dell’Agricoltura in cui, “oltre a definire ingiustificabile la legittimazione e promozione delle pratiche esoteriche biodinamiche, proponevano”, spiega Cattaneo, “di emendare il testo in discussione”.

Anche altre istituzioni scientifiche si sono mosse contro il “rischio di legittimare il pensiero magico in una norma di rango primario d’iniziativa del nostro Parlamento” per evitare quello che Cattaneo definisce il “deragliamento della politica dalla scienza”. I promotori di una petizione su Change.org che conta ricercatori italiani in tutto il mondo hanno chiesto alla Commissione un incontro, riporta Cattaneo, ma “ad oggi, non hanno ricevuto risposta”. “Ancor di più nell’anno del Covid, in cui si consolida sempre di più la necessità di una politica informata dalle evidenze”, prosegue la docente, “un Parlamento che non tiene in alcun conto rilievi pesanti, sia giuridicamente che scientificamente fondati, è preoccupante, perché restituisce l’idea di una classe politica che considera la scienza à la carte: me ne servo finché mi è utile, altrimenti la ignoro”.