Federica Pellegrini: la Divina

Un tuffo verso la leggenda: Federica Pellegrini ha raggiunto la quinta finale olimpica, è la prima volta che accade nella storia del nuoto femminile a livello individuale. L’atleta azzurra – infatti – gareggerà per una medaglia anche ai Giochi di Tokyo nei 200 stile libero. Ai microfoni della Rai ha confessato “questo era il mio obiettivo”. E ha aggiunto: “Sono strafelice, è tutto molto bello. Cosa c’è in questa finale? Ci sono venti anni di vita”.

Grande, grandissima Federica, vero orgoglio italiano. Sorridente e commossa ha ribadito di averci provato fino alla fine “con uno staff veramente meraviglioso che mi ha seguito in questi anni in maniera veramente ineccepibile, ci abbiamo creduto. Questo non era l’obiettivo minimo, questo era il mio vero obiettivo per questa Olimpiade”. Ma non è ancora il momento di tirare i bilanci: “Non mi racconto tante balle, perché è un anno che nuoto 1’56”: l’obiettivo era la finale e l’ho centrato. Era un obiettivo difficile perché il livello si è alzato molto”.

Adesso c’è l’ultimo scoglio per la 32enne: “Sarà molto divertente, cercherò di godermela fino alla fine, forse sarà la prima finale olimpica davvero divertente per me”. Federica Pellegrini ha agguantato il secondo posto ad Atene 2004, poi l’oro a Pechino 2008, il quinto posto a Londra 2012 e il quarto a Rio 2016. Inoltre, è primatista mondiale dal 2009 con il crono di 1’52”98. Non resta che attendere, con una postilla: “In carriera mi sono sempre posta obiettivi fattibili”. Non ne avevamo dubbi, perché lei è unica. Perché lei è la Divina.