Scuola, Abravanel: “Green pass sia obbligatorio”

La didattica a distanza non sparirà del tutto. Ne è certo Roger Abravanel. L’esperto di educazione sostiene che “il Green pass obbligatorio a scuola incentiverà le vaccinazioni”. Anche se le lezioni via Internet continueranno, seppure in numero inferiore rispetto all’anno scolastico 2020-2021. Abravanel al Messaggero dichiara di preferire l’obbligo vaccinale alla certificazione verde: “Serve per tutti gli insegnanti e per tutti gli studenti sopra i 12 anni”. Abravanel non ammette deroghe. “Il Green pass è un incentivo: o ti vaccini o non puoi partecipare alla vita sociale e non puoi neanche lavorare”.

Il professore ravvisa una differenza sostanziale tra i due obblighi, e quello del Green pass non è una limitazione alla libertà, perché “la libertà prevede che uno possa decidere di non vaccinarsi. Ma la sua libertà finisce quando comincia la libertà di un altro. Quindi – prosegue – un professore può decidere di non vaccinarsi, ma se va a scuola e contagia un collega o un alunno lede la loro libertà”. La Dad poi “non sparirà mai completamente”, afferma Abravanel. Per l’esperto di educazione “ci sarà una rivoluzione nella didattica, perché il Covid ha rivelato grandi opportunità di trasformazione tecnologica della società e dell’economia”.