Covid, Clementi (virologo): “Immunità di gregge a fine settembre”

Quinta ondata improbabile, virus potrebbe diventare endemico”. È la previsione di Massimo Clementi, ordinario di Microbiologia e Virologia al San Raffaele di Milano. In un’intervista sul Quotidiano nazionale, Clementi lancia un messaggio positivo. La Gran Bretagna è a un passo dal raggiungere l’immunità di gregge contro il Covid-19 e l’Italia ci arriverà non molto dopo. Quando? “Verso fine settembre, raggiungendo l’80 per cento della popolazione vaccinata con due dosi”. Il virologo non crede che Londra possa andare incontro a una quinta ondata, a meno che il virus non muti davvero tanto, “ma è improbabile”. A quel punto Oltremanica si potrebbe essere “fuori dalla pandemia”.

L’ipotesi più probabile per Clementi è che il Covid “diventi endemico con pochi casi invernali all’anno e una sindrome clinica semplice”. In Italia è difficile dire quando arriverà il picco di contagi. “Non credo toccherà i numeri della Gran Bretagna”, afferma il virologo, rispetto alla tendenza al ribasso dei contagi del Regno Unito. Fattori determinanti in questo sono stati la “grande campagna vaccinale, con la scommessa di spingere sull’acceleratore delle prime dosi” e la particolarità del ceppo ex indiano: “È molto trasmissibile con cariche virali alte, ma infetta le prime vie aeree” e dunque le patologie che sviluppa, spiega il professore, “sono meno impegnative”.