Le app gradite al potere che illumina Vittorio Colao

Da anni Vittorio Colao è gradito ospite dei vertici mondiali del Gruppo Bilderberg. Nel 2014, proprio alla Conferenza Bilderberg, David Rockefeller proponeva una moneta unica (mondiale) virtuale elettronica sotto il controllo della Federal Reserve. Faceva eco alla proposta il finanziere europeo Jacques Attali, che sosteneva “una piccola pandemia permetterebbe d’instaurare un governo tecnocratico, scientifico e bancario mondiale”: Attali aveva già nel 2009, in piena crisi da derivati, accennato che “solo una pandemia può bloccare il pianeta a favore d’un ordine finanziario mondiale”.

Lo scrittore Brett Scott avversa da sempre la moneta elettronica, soprattutto unica e mondiale (è un ex broker e autore del libro “The heretic’s guide to global finance: hacking the future of money”). Fu proprio Scott a rispondere a brutto muso a Rockefeller, che proponeva la moneta unica mondiale elettronica. Da quello scambio di battute nacque la sceneggiatura del film “The Time”, ispirata anche dallo scrittore Harlan Jay Ellison.

Il 19 luglio del 2018 Brett Scott ha scritto una documentata analisi sul Guardian, che testimonia come l’alternativa al contante serva in effetti a spalancare la porta alla dittatura bancaria mondiale, operando un controllo sociale che impedisca qualsiasi forma di pagamento non tracciabile in rete.

Oggi, la tracciabilità totale per motivi pandemici potrebbe agevolmente spalancare la porta ad una gestione planetaria per mano della “Round Table” (la tavola rotonda del potere mondiale, il Nuovo Ordine): Colao è vicepresidente della “Round Table of Industrialists” europea e risponde ai vertici mondiali delle organizzazioni. Di fatto la moneta unica mondiale, il “reddito mondiale di cittadinanza” e la “povertà sostenibile” sono ricette che i teorici della dittatura planetaria intendono pianificare nel decennio appena iniziato, e la pandemia gioca a loro favore.

A creare una sorta di “povertà sostenibile” ha già lavorato il gruppo di Bill Gates, che sarebbe in grado di garantire una sorta di reddito mondiale elettronico a tutti i cittadini dei Paesi che insistono sotto il cappello Nato. Un reddito elettronico (creato dal nulla) da spendere solo in beni di prima necessità, per alloggi ultrapopolari o dormitori, per mezzi pubblici adibiti alle fasce povere certificate da una app su uno smartphone sociale (o un microchip credono i più malevoli).

In questi giorni di pandemia e di “Fase due” (anzi uno e mezzo) è proprio la task force presieduta da Colao che starebbe mettendo mano ad una sorta di reddito totale di cittadinanza, coordinandosi anche con altri Paesi pronti all’avvio della misura economica. Una politica del reddito che di fatto precluderebbe la via della crescita lavorativa, antica ambizione umana, a circa 60 milioni di europei e più di 10 milioni di italiani. Cittadini che entrerebbero in quel limbo tra “povertà irreversibile” (per motivi bancari, fiscali, giudiziari, finanziari…) e “povertà sostenibile”: in pratica sarebbero condannati ad una sorta di morte civile, non potendo più lavorare, risparmiare, investire, costruire.

Per realizzare questo progetto il “potere mondiale” deve avere totalmente il controllo di fiscalità, risparmio e lavoro. Di fatto le banche centrali hanno già stipulato accordi con Amazon, Google ed altri colossi, per controllare ogni minima spesa dei cittadini occidentalizzati. Quindi l’abolizione del contante gioca a favore delle istituzioni finanziarie, delle aziende che gestiscono i sistemi di pagamento, delle corporate, delle multinazionali e del cosiddetto “capitalismo fiscale di sorveglianza”. Le dittature scientifico-bancarie hanno elaborato questa linea dopo aver studiato, e fatto propria, la prassi marxista di Antonio Gramsci: il filosofo spiegava il concetto di egemonia, ma si riferiva al modo in cui i potenti condizionano l’ambiente culturale ed economico, ed in modo tale che i loro interessi inizino ad essere percepiti come naturali ed inevitabili dall’opinione pubblica. Nessun italiano scende oggi in strada a manifestare contro le restrizioni imposte dal Governo Conte, o contro l’obbligo ai pagamenti digitali, perché nell’animo della gente è entrata sia la rassegnazione (il concetto di povertà diffusa imposto dall’alto) che l’idea d’una sorta di “comodità all’uso” delle restrizioni. Comodità d’uso o consuetudine sociale che era stata inculcata fin dai primi vagiti nei cittadini della Germania Democratica.

Il risultato è sotto i nostri occhi: si sta compiendo il progetto egemonico portato avanti dalle istituzioni scientifico-finanziarie. Una società senza libertà di movimento politico-culturale, senza contante, che aspetta ansimante le conferenze dell’autocrate (Conte), che reputa la libertà di parola e di movimento nemica della salute pubblica. Il vantaggio per le multinazionali cibernetiche, farmaceutiche e finanziarie è totale: grazie al governo 5 Stelle ci fanno credere che è tutto per il nostro bene. Ad appoggiare Gates (faro che illumina Vittorio Colao) nella mappatura totale dei cittadini ci sono i cosiddetti grandi investitori: Merrill Lynch, Deutsche Bank, Goldman Sachs, Hsbc, Jp Morgan e Morgan Stanley, coadiuvati dai loro strilloni S&P e Fitch e Moody’s. Obiettivo prossimo è la profilazione totale del cittadino attraverso app sanitarie, corrispondenza tradizionale (posta e raccomandata che verranno presto vietate) e via mail, attraverso il controllo continuo della sua spesa giornaliera, attraverso l’indirizzo costante dei suoi consumi e risparmi: il passaggio è far si che i governi accettino il blockchain come struttura dati condivisa mondialmente. Ovvero un registro digitale che permetta, a strutture sovrannazionali, il controllo di ogni cittadino del mondo che possa in qualche modo possedere moneta o produrre reddito. E non è affatto vero che questi obblighi elettronici ci salvino la pelle o accorcino i tempi burocratici.

Per salvarci dovremmo riedificare l’autodeterminazione dei popoli come strumento di difesa dall’aggressione programmata dai colossi economici, e questo lo stanno studiando sia Donald Trump che Vladimir Putin. Gli Usa e la Russia non credono e non vogliono il “reddito mondiale” e reputano questa povertà sostenibile la porta d’un inferno per milioni di cittadini. Ma contro Trump e Putin s’è schierato il salotto di potere che sostiene Bill Gates, il fondo speculativo che paga le campagne di Hillary Clinton, insomma tutto il mondo di riferimento di Vittorio Colao.

Quest’ultimo non è un caso gestisca comodamente la task force da Londra, dove ha sede il suo fondo speculativo General Atlantic: un fondo d’investimenti collegato a quello della Clinton, una struttura già pronta a coordinare le ultime svendite delle aziende italiane.