La strategia grillina delle elezioni-bis

Il tema principale della prossima legislatura sarà la difficoltà di dare vita a un governo provvisto di una maggioranza solida. La soluzione del problema potrebbe venire o da una alleanza tra l’intero centrodestra e il Partito Democratico o, viceversa, dall’accordo tra tutti i partiti populisti e i post-comunisti, cioè tra Lega, Movimento Cinque Stelle, Fratelli d’Italia e “Liberi e Uguali”. I numeri forniti dai sondaggi forniscono solo queste due indicazioni. Tutte le altre combinazioni, sempre che il centrodestra non superi quota quaranta di consensi e non riesca a fare breccia su alcuni settori del centrosinistra, non starebbero in piedi. Non solo sul piano politico ma, prima di tutto, su quello numerico.

Naturalmente rimane in piedi l’ipotesi del governo del presidente, cioè di un Esecutivo senza identità politica ma fondato su un’intesa temporale e di scopo (una nuova legge elettorale) tra il maggior numero di forze politiche. Ma una trovata del genere sarebbe precaria per definizione in quanto esposta al ricatto continuo delle sue singole componenti. E, soprattutto, non avrebbe mai il sostegno di quei partiti, primo fra tutti quello guidato da Luigi Di Maio e Davide Casaleggio, che avrebbero tutto l’interesse a denunciare l’impossibilità di mettere in piedi un governo non precario ma solido e predicare la necessità di tornare il più presto possibile di fronte al corpo elettorale sollecitando gli italiani a dare la spallata finale alla democrazia rappresentativa.

I grillini, in sostanza, anche se oggi fanno di tutto per accreditarsi come forza di governo, punteranno ad approfittare delle difficoltà del centrodestra e del Partito Democratico di trovare la quadratura del cerchio di un Esecutivo credibile per lanciare una campagna in favore del ritorno immediato alle urne. Con l’obiettivo di proporsi come l’unica forza in grado di governare il Paese dopo la dimostrata incapacità dei concorrenti di fare altrettanto dopo il voto del 4 marzo.

Se una prospettiva del genere dovesse trovare conferma sarà bene incominciare a prepararsi ad assistere al seguito del film sul ritorno del Duce. Un film che avrà come titolo “Sono tornato, senza divisa ma con la barba!”. A conferma che quando la storia si ripete il dramma diverta farsa!