E se la Turchia invade la Grecia la nato che fa?

Recep Tayyip Erdoğan sembrerebbe intenzionato a creare un nuovo fronte bellico terribilmente vicino all’Europa. Quello con la Grecia.

Complice la ferita aperta dell’isola di Cipro da decenni divisa in due, una sotto l’egida greca e l’altra a trazione turca. Con l’intento di mettere le mani sui giacimenti di petrolio e gas naturale al largo di quei mari. Come abbiamo già visto con l’incidente diplomatico con la nave italiana dell’Eni che ha dovuto rinunciare alle trivellazioni.

Ma la domanda che incombe su tutto ciò è veramente inquietante: se la Turchia islamista di Erdoğan dovesse aggredire o addirittura invadere un territorio della Grecia, la Nato che dovrebbe fare? Quale dei due Paesi appartenenti alla medesima alleanza dovrebbe aiutare in una simile guerra solo apparentemente fratricida? E il “solo apparentemente” vuole significare il paradosso di continuare a tenere nell’alleanza atlantica non più un Paese laico sia pure in mano ai militari, ma un Paese che in questi ultimi quindici e passa anni di dominio del sultano si è via via trasformato nel primo finanziatore dell’Isis, in un nemico dell’America, dell’Europa e di Israele.

Sono problematiche geopolitiche di fronte alle quali l’Europa rappresentata da Federica Mogherini ha deciso di mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi. Così come, mutatis mutandis, ha scelto di fare con l’Iran del finto moderato Rouhani. Ma i problemi come i nodi prima o poi vengono al pettine e presentano conti molto salati da pagare. L’analista turca Uzay Bulut, una giornalista turca musulmana moderata che vive a Washington, lo scorso 21 febbraio ha lanciato l’allarme in tal senso in un bell’articolo molto dettagliato scritto per il “Gatestone Institute”.

Tra le altre cose che ha sottolineato, la Bulut racconta di una sorta di “ossessione” di Erdoğan, in questo fiancheggiato persino dai pochi partiti di opposizione rimasti in Turchia, di invadere quelle isole greche che, come Cipro, considera di proprietà ottomana. Una sorta di guerra di Troia alla rovescia colorata da appelli alla jihad. Come questo fatto proprio da Erdoğan in un comizio dello scorso 12 febbraio ad Ankara: “Quello che abbiamo fatto finora è nulla in confronto agli attacchi ancor più grandi che stiamo pianificando per i prossimi giorni, inshallah”.

Resta da vedere quale sarà la scelta dell’Europa e soprattutto della Nato. Che, se pure avvertite con largo anticipo, c’è da giurarci che si faranno cogliere di sorpresa.