Juncker: “Resterà sempre l’ora legale”

Jean-Claude Juncker vuole abolire il cambio tra l’ora legale e l’ora solare. Secondo il presidente della Commissione Europea dovrebbe restare sempre l’ora legale. Juncker annuncia l’esito della consultazione online che ha coinvolto 4,6 milioni di cittadini europei lanciata in estate. I risultati verranno resi noti oggi. Ma pare che l’80 per cento si sia espresso in favore dell’abolizione. Juncker, in un’intervista alla televisione tedesca Zdf, ha detto che “milioni di persone hanno risposto e credono che dovrebbe essere così. La gente vuole questo e lo faremo”.

La proposta della Commissione sarà di adottare l’ora legale per tutto l’anno, abbandonando il passaggio semestrale all’ora solare durante il periodo più freddo dell’anno. Ma per modificare le disposizioni sull’ora legale, la Commissione dovrà prima convincere i governi dei 28 Paesi membri e l’Europarlamento, con una decisione adottata a maggioranza. Da diciotto anni una direttiva comunitaria obbliga gli Stati a introdurla fra il 25 e il 31 marzo di ogni anno e a rimuoverla fra il 25 e il 31 ottobre, per armonizzare l’utilizzo in tutta l’Unione Europea. La richiesta di abolire il cambio dell’ora è sostenuta, soprattutto, dalla Finlandia, dalla Svezia e dai Paesi dell’Est.