duro attacco hacker colpisce l’Ucraina

Un nuovo attacco hacker, simile al “ransomware” WannaCry, ha colpito il mondo e in particolar modo l’Ucraina. Qui il contagio è stato “massiccio” e il premier Volodomyr Groysman non ha esitato a definirlo “senza precedenti”. Nel mirino, infatti, sono finite grandi banche, compagnie elettriche, società di trasporti - a Kiev in metrò non si poteva pagare con la carta di credito - e aeroporti; persino la centrale nucleare di Chernobyl ha subito guasti, benché non ai “sistemi critici interni”. E l’Ucraina ha subito puntato il dito contro la Russia. “Non c’è alcun dubbio che dietro a questi ‘giochetti’ ci sia Mosca”, ha tuonato il consigliere del ministro dell’Interno ucraino Zoryan Shkiriak, sottolineando come il cyber-attacco non sia altro che l’ennesima manifestazione della “guerra ibrida” del Cremlino.

L’accusa, grave, è stata puntellata dalle parole del segretario del Consiglio di Sicurezza e della Difesa Oleksandr Turchynov: “Già dopo un’analisi preliminare del virus - ha dichiarato - si può parlare di una traccia russa”. Pure la Russia, però, è stata colpita. Rosneft, la prima azienda petrolifera del Paese, ha visto il suo sito andare in tilt ed è dovuta passare ai sistemi informatici di riserva (non senza imbarazzo da parte della compagnia stessa). Altre società come Bashneft - ora parte di Rosneft dopo l’acquisizione dello scorso anno - Mars e Nivea sono state coinvolte. I danni però sembrano essere stati contenuti, specie al sistema bancario.

In Ucraina gli hacker invece hanno picchiato duro, infettando ad esempio i computer del Consiglio dei ministri. Il virus - che stando ai servizi di Kiev, l’Sbu, era “già noto” (il “Petya”) ma “modificato” - ha causato molti disservizi per quanto, come ha sottolineato Groysman, non è riuscito a penetrare le “infrastrutture vitali” del Paese. Anche se a Chernobyl i sistemi di monitoraggio delle radiazioni sono “saltati parzialmente” e si è dovuto passare in modalità manuale.