A de Kerckhove il “The Medium and the Light Award”

Derrick de Kerckhove è il vincitore del premio The Medium and the Light Award 2020 per “il suo costante impegno nella divulgazione del pensiero ispirato dalle osservazioni proposte da Marshall McLuhan”. De Kerckhove, direttore scientifico dell’Osservatorio TuttiMedia e Media Duemila, docente al Politecnico di Milano, riceverà il prestigioso riconoscimento domani a New York.

"Dobbiamo rimodellare gli strumenti prima che ci modellino a loro immagine. Questo è il mio invito che nasce dalla protesta contro il determinismo tecnologico e culturale di McLuhan, messaggio che non possiamo ignorare nel nostro mondo sempre più mediato, dice de Kerckhove.

La sua candidatura è stata sostenuta da Teri C. McLuhan, figlia di Marshall, studiosa, artista, regista e produttrice, con queste parole: “L’energia di de Kerckhove, il suo entusiasmo, il suo imperturbabile buonumore e la sua propensione alla convivialità nell’esaminare gli effetti delle tecnologie sugli esseri umani sono francamente contagiosi, apprezzati e ricordano la costante giocosità di mio padre Marshall”. “Le osservazioni di McLuhan si ritrovano dappertutto nel lavoro di de Kerckhove e sono la prova che il riconoscimento va a uno dei più meritevoli eredi spirituali di McLuhan per l’instancabile lavoro di avanguardia nel campo dellecologia dei media. Il riconoscimento è un segno della nostra gratitudine ed anche un invito a continuare a promuovere la consapevolezza di ciò che sta accadendo attraverso il pensiero di McLuhan”, afferma Howard R. Engel, direttore della Fondazione Marshall McLuhan Iniziative di Winnipeg.

“Riflettere su come evitare di essere travolti dal vortice delle tecnologie scegliendo se e come trasformare le tecnologie in veri e propri strumenti di supporto alla vita è anche il nostro scopo - afferma Maria Pia Rossignaud direttrice di Media Duemila e TuttiMedia - Siamo orgogliosi del riconoscimento internazionale della comunità mcluhanista al nostro direttore scientifico”.