Denuncialo

Lo stupro, in tutte le sue forme, è un reato contro l’intera umanità e un paese in cui le vittime non siano protette e assistite nella delicatissima fase della denuncia, non è un paese civile. 

Ecco perché, in qualità di Presidente di Cuore Nazionale che tiene moltissimo al miglioramento delle condizioni del nostro paese e grazie alla mia esperienza di oltre quindici anni nella comunicazione e nel marketing, quando sono venuto a conoscenza di Denuncialo, l’innovativa Campagna di sensibilizzazione a favore delle vittime di reati sessuali ideata da SolariaLab, non ho potuto far altro che sposarla appieno.

Il progetto non si ferma minimamente alla sola Campagna Fotografica che domani verrà presentata a Banca Generali dal conduttore radiofonico Claudio Guerrini, ma intende affiancare a lungo e su molteplici piani chi ha dovuto o deve subire (e in Italia parliamo di una donna su tre) questo genere di soprusi.

Un dramma personale di questa entità non si può combattere da soli: c’è bisogno dell’aiuto di tutti, un tema sociale così importante non lascia indifferente nessuno.

Per questo domani insieme a me interverranno anche: il Primo Dirigente della Polizia di Stato Tiziana Lorenzo, la Vice Presidente Confcommercio Nazionale nonché Presidente di Athena Donatella Prampolini Manzini, il Professor Agostino Tucciarone del Comitato Scientifico interno SolariaLab. In sala saranno presenti anche alcuni dei molti testimonials che già hanno prestato il loro volto agli scatti appoggiando la causa, ovvero Jane Alexander, Achille Bonito Oliva, Fabio Canino, Dana Ferrara, Veronica Maya, Annalisa Mandolini, Clemente Russo e Gianfranco Vissani.

Ma cosa ha di diverso Denuncialo rispetto alle altre campagne?  Non nasce dai molteplici titoli di cronaca del momento e non è un generico schierarsi contro il reato, ma un seguire e sostenere la vittima nel delicatissimo percorso che deve portarla a trovare la forza di denunciare la violenza subita nel suo quotidiano.

Mi spiego meglio con alcuni dati: Secondo il Ministero dell’Interno italiano gli abusi sessuali da gennaio a settembre 2017 sono stati 3059, contro i 3095 dello stesso periodo nell’anno precedente. Stessa diminuzione appare nei reati come lo stalking che quest’anno sono 8480, contro i 10067 del 2016.

Apparentemente questo calo sembrerebbe positivo e la reazione normale sarebbe pensare che stiamo andando verso un miglioramento, ma non è così. In percentuale, infatti, per 11 donne che arrivano a portare il loro caso all’attenzione della Polizia di Stato c’è un restante 89 che non lo fa e sono loro i destinatari di questa campagna.

Se le persone non denunciano significa che hanno ancora paura di restare isolate nel loro dramma. Significa che non è stato comunicato in modo adeguato che qualcosa si può e si deve fare. Da qui l’esigenza di una nuova comunicazione, che sia trasversale e che raggiunga tutti.

Per questo i professionisti di SolariaLab hanno ideato questo progetto che coinvolgendo tutti i protagonisti della società con svariati mezzi, dai programmi televisivi, ai documentari, dalla campagna fotografica, ai brani musicali rivolti ai giovanissimi, s’impegna attivamente nel sostenere chi è vittima di violenza.

Per questo Istituzioni e Personaggi pubblici si sono uniti e si uniranno sempre più a questo progetto, nella speranza che presto il mutismo in cui le vittime solitamente si calano possa sbloccarsi definitivamente.

(*) Cuore Nazionale