Scuola, firmato il Protocollo sicurezza

Novità per il mondo della scuola. È stato firmato stamattina dal ministero dell’Istruzione e dalle organizzazioni sindacali il Protocollo per garantire l’avvio dell’anno scolastico in sicurezza. Il documento offre regole alle istituzioni scolastiche e ha l’obiettivo di essere anche un punto di riferimento anche per studentesse, studenti e famiglie. Dall’help desk per le scuole, alle modalità di ingresso e uscita, all’igienizzazione degli spazi, fino all’impegno politico per il superamento delle “classi pollaio”, con l’intenzione di avviare un iter normativo per affinché venga fissato un tetto massimo sul numero di alunni nelle classi.

Per la ministra Lucia Azzolina, si tratta di “un accordo importante che contiene le misure da adottare per garantire la tutela della salute di studentesse, studenti e personale, ma anche impegni che guardano al futuro e al miglioramento della scuola come il contrasto delle classi cosiddette “pollaio”, una battaglia che porto avanti da tempo e che rappresenta per me una priorità”. Le linee guida lasciano comunque amplissima autonomia ai singoli istituti: per esempio ogni scuola potrà decidere se scaglionare gli orari di ingresso e uscita, ferme restando l’attuazione delle disposizioni del Comitato tecnico-scientifico, la “differenziazione dei percorsi interni e dei punti di ingresso e i punti di uscita” e la segnaletica orizzontale sul distanziamento e sui percorsi. Tra gli altri “criteri di massima” c’è la previsione che ad accompagnare il bambino sia “un solo genitore o persona maggiorenne delegata”.