Sanità, il piatto piange sul numero degli infermieri

“Ogni giorno commentiamo una notizia che testimonia lo sfascio del Sistema sanitario nazionale. Abbiamo lanciato nei giorni scorsi l’allarme sulla medicina d’emergenza” sono le parole del segretario nazionale della Ugl Salute, Gianluca Giuliano.

“Oggi la nostra attenzione si sposta sul drammatico dato che certifica la carenza del numero degli infermieri. Si parla di circa di oltre 60mila unità in meno rispetto alla media europea: circa 27mila al Nord, 13.500 al Centro e 23.500 nel Sud e nelle Isole – ha detto – sono numeri che testimoniano l’assoluto fallimento delle politiche del passato quando la sanità, servizio primario per i cittadini, è stata vittima di tagli scellerati. Ma pongono anche l’attenzione su quanto fino ad oggi, nonostante promesse sbandierate ai quattro venti, non è stato fatto. Tra un annuncio e l’altro la sanità è svuotata di personale e così l’assistenza, sia territoriale che nelle strutture, è un autentico miraggio”.

Per Giuliano “non c’è da sorprendersi, ma certamente da indignarsi. Perché a questo dato possiamo aggiungere quello reso noto in questi giorni sui Livelli Essenziali di Assistenza per il 2019. Sono sei le Regioni che il Ministero della Salute ha dichiarato inadempienti: Valle d’Aosta, Alto Adige, Basilicata, Molise, Calabria e Sicilia mentre sono ben otto quelle che, rispetto all’anno precedente, hanno peggiorato le proprie performance sulla prevenzione. La sanità italiana, nonostante i continui esempi di generosità e professionalità degli operatori sanitari, continua ad arrancare, zavorrata da un sistema che va radicalmente cambiato”.

“Per farlo – ha terminato – serve una scelta coraggiosa: investire senza esitazioni per mettere al centro del progetto gli operatori sanitari, destinare risorse alla medicina territoriale, assicurare in ogni punto dell’Italia strutture, nuove o ammodernate e al passo con i tempi, in grado di rispondere alle esigenze dei cittadini”.