La cultura nel periodo del Covid-19: il portale della Canzone Italiana

Sono numerose le iniziative culturali proposte dal Mibact in questo periodo così difficile per l’Italia alle prese con la pandemia da coronavirus.

Visite virtuali ad antiche ville, a musei, a mostre permanenti, ma anche al “Portale della Canzone Italiana“.

Quest’ultimo progetto riguarda una piattaforma on-line che raccoglie circa 200mila canzoni in un unico catalogo, il più grande in Europa, grazie al prezioso lavoro dell’Istituto centrale per i Beni sonori e audiovisivi del Mibact. Un percorso musicale che interessa molteplici generi: dalle romanze al pop nostrano, dalla musica di Sanremo alla musica popolare.

Il premio Nobel alla Letteratura Elias Canetti scriveva “La musica è la migliore consolazione”, e in questo momento storico il popolo italiano sta riscoprendo il valore della musica nostrana a volte lasciata nel dimenticatoio. Ricordiamo “Nel Blu dipinto di Blu”, il celebre brano scritto da Franco Migliacci e Domenico Modugno, interpretato dallo stesso Modugno nell’edizione del Festival di Sanremo del 1958. Per ben cinque settimane il brano rimase ai primi posti della classifica, per poi raggiungere le più alte posizioni all’estero. Modugno vinse tre premi Grammy per questa canzone, come migliore interpretazione maschile, canzone dell’anno e Disco dell’anno. Ha venduto circa 22 milioni di copie. Sette le versioni di “Volare” come è meglio conosciuta negli Hot 100, ricordiamo quella di Nelson Riddle e quella di Dean Martin. Celebri le interpretazioni di Ella Fitzgerald, Lionel Hampton, Paul McCartney, Ray Charles, i Gypsy King, Dalida e David Bowie, nel film “Absolute Beginners”.

Di seguito riportiamo l’intervento del ministro per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, e del Maestro Andrea Morricone, durante la presentazione del Portale della musica italiana ai media nella sala stampa dell’Associazione Stampa Estera di Roma.