Istat, a giugno sale la disoccupazione

Brutte notizie dal mondo del lavoro. Secondo i dati diffusi dall’Istat, che riguardano il mese di giugno, il tasso di disoccupazione, cioè il numero di persone che cercano un impiego sul totale della forza lavoro, è aumentato di due decimi di punto salendo al 10,9%.

Il numero dei disoccupati risulta così pari a 2 milioni e 866 mila. Al contrario, dopo tre mesi consecutivi di crescita, il numero di occupati è calato di 49 mila unità. Continuano invece a crescere i dipendenti a termine (+16 mila), che segnano così un nuovo record raggiungendo i 3 milioni 105 mila.

L’aumento prosegue senza sosta dal gennaio di quest’anno e conferma un trend che nel suo complesso si registra a partire dal 2014. Sull’aumento del tasso di disoccupazione pesa anche la diminuzione degli inattivi, chi non ha un lavoro e non lo cerca, scesi di 27 mila unità. 

Nell’arco dei dodici mesi invece la disoccupazione, sottolinea l’Istat, cala lievemente, mantenendosi sui livelli della fine del 2012. In rialzo anche il dato giovanile, risalito di 0,5 punti al 32,6%, in rialzo di 0,5 punti percentuali su maggio. L’istituto sottolinea poi come il livello degli under 25 in cerca di occupazione sia nettamente inferiore al massimo raggiunto nel marzo del 2014 (43,5%) ma ancora di 13 punti superiore rispetto al minimo toccato nel febbraio del 2007 (quando era 19,5%).

Se si guarda al dato per classi di età, si nota come il numero di occupati cali sensibilmente nella fascia degli over 50, dove complici il maggiore invecchiamento della popolazione e l’effetto delle ultime riforme pensionistiche il dato era più spesso risultato in crescita. A giugno gli occupati calano di 49 mila unità a fronte, diversamente del dato complessivo di aumento degli inattivi, cioè più persone decidono di non cercare un nuovo impiego.