Il linguaggio incomprensibile della dittatura burocratica

Mai come in questi momenti ci si rende conto che in Italia esiste un solo potere – ormai dittatoriale – quello della burocrazia. I corpi intermedi tra il governo e i cittadini la fanno da padroni. Agenzie, in primis le entrate, prefetture, uffici legislativi anche distaccati, dogane, consulenti di chi comanda negli enti locali, sindacati eccetera. Se sapessero anche governare oltre che opprimere nulla quaestio. Ma fanno solo casino. A partire dal linguaggio che usano nel redigere decreti e leggi. Tutto un rimando a qualcosa redatto precedentemente e a leggi che a loro volta rimandano a leggi quadro che possono risalire anche al dopoguerra. E uno per capire cosa si “intima” è costretto a andare a rileggersi a ritroso tutto fino alla fonte primaria. Che è la Costituzione. E a fare comparazioni, cancellazioni, integrazioni. Neanche i magistrati ci capiscono più niente. Anche se poi nelle sentenze che leggono usano lo stesso metodo e idem dicasi anche nei mandati di cattura.

Ecco un piccolo esempio: “Visto il decreto legislativo 2 gennaio 2018, n° 1, ed  in particolare l’articolo 7, comma 1, lettera c), e l’articolo 24, comma1; Vista la direttiva del presidente del Consiglio dei ministri 26 ottobre 2012, concernente gli indirizzi per lo svolgimento delle attività propedeutiche alle deliberazioni del Consiglio dei ministri e per la predisposizione delle ordinanze di cui all’articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n° 225 e successive modificazioni  e integrazioni, che, ai sensi dell’articolo 15, comma 5, del citato decreto legislativo n° 1 del 2018, resta in vigore fino alla pubblicazione della nuova direttiva in materia”. La citazione è presa dalla prima pagina del famigerato decreto Conte del 31 gennaio scorso in cui fu dichiarato alla chetichella lo stato di emergenza in Italia – fino al prossimo 31 luglio – senza peraltro che venissero presi    quei tempestivi provvedimenti – applicati solo un mese e mezzo dopo – che avrebbero forse evitato la strage del Covid-19 in Lombardia. Per arrivare al dunque bisogna leggere altre quattro pagine di rimandi simili. Una follia incredibile. Che nei giorni scorsi è stata denunciata dall’ex presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo – ed esimio costituzionalista – Sabino Cassese, uno dei pochi in Italia che può leggere questa “monnezza burocratica” senza dovere compulsare il Codice penale, quello civile nonché il Testo unico di pubblica sicurezza, per fare gli incroci necessari.

Lui può fare i calcoli a mente altri hanno bisogno del pallottoliere o della calcolatrice elettronica. Eppure Cassese ha detto a Radio radicale e ha scritto anche sul Corriere della sera che questa emergenza dovrebbe essere un’occasione – sia pure nefasta – per rivedere tutta la maniera di scrivere le leggi in Italia. Che usa questo metodo di rimandi per lo meno dall’epoca della dominazione napoleonica su tutta la penisola. Vale a dire i primissimi anni dell’800 anzi la fine del secolo precedente. Si dovrebbe – per Cassese – scrivere le leggi in maniera chiara per tutti e solo alla fine mettere i rimandi a mo’ di note a piè di pagina. Di modo che qualsiasi legge veramente non dovrebbe più ammettere qualsivoglia ignoranza. Ma le leggi – per come sono scritte dai politici (e dai loro squallidi uffici legislativi) – in Italia l’ignoranza la presuppongono quando non la ingenerano. Anche perché questi intellettualmente disonesti funzionari di complemento sono ben contenti di essere i sacerdoti di siffatto orrore burocratico. Ecco allora che va un plauso convinto a Sabino Cassese che per primo in Italia ha rotto l’ipocrisia di questa comoda maniera di scrivere le leggi con i piedi e con la sciatteria della prepotenza anziché con il cervello e con la coscienza del bene pubblico.